Tag

, , , , , , ,

Pubblicato su www.romawellness.it foto (2)Vi siete mai chiesti cosa c’è veramente dentro il cubetto di sapori che comprate al supermercato? E’ probabile che non vogliate saperlo; dopotutto, di dado non è mai morto nessuno, e in ogni caso non c’è soluzione più pratica e veloce per insaporire minestre e sughetti veloci, specie se non siete cuochi provetti. Pur risparmiandovi i sordidi dettagli in merito al cubetto magico protagonista delle vostre migliori ricette, è difficile non menzionare la quantità di conservanti artificiali che fanno di tanti ingredienti ‘naturali’ un prodotto così longevo e sempre pronto all’uso. E allora, che si fa? Be’, una soluzione c’è, perché il dado industriale può essere facilmente sostituito con un prodotto altrettanto pratico, ma sano e decisamente più buono. Prendete un bel cesto di verdure fresche, tutte quelle che vi vengono in mente: carote, zucchine, pomodori, sedani, cipolle (senza esagerare), melanzane; lavate con cura i vostri ortaggi e sistemateli in una pentola con un filo d’olio sul fondo. Aggiungete un po’ di spezie: basilico, rosmarino, prezzemolo) e un’abbondante quantità di sale grosso (diciamo un bicchiere colmo), mettete un coperchio e lasciate cuocere il tutto a fuoco lento. Grazie all’acqua contenuta naturalmente nelle verdure, non c’è pericolo che si attacchino sul fondo. Dopo 120 minuti circa, frullate le vostre verdure ormai tenere (occhio alle spezie rigide, meglio toglierle) fino ad ottenere un impasto denso e cremoso. Il vostro dado naturale è pronto, ma per evitare che resista solo pochi giorni è opportuno conservarlo nel freezer, per esempio nel contenitore dei cubetti per il ghiaccio. In questo modo potrete usarlo ogni volta che ne avrete bisogno, proprio come fate con quello del supermercato, ma una differenza, anzi due: saprete esattamente cosa c’è dentro e troverete il gusto di gran lunga superiore. Potete adattare la ricetta del dado vegetale anche per la preparazione di quello comunemente definito ‘classico’, basta aggiungere fra gli ortaggi un po’ dimacinato fresco. Ora, la ricetta ce l’avete. Fate un tentativo: non tornerete più indietro.

Annunci