Tag

, , , ,

Pubblicato su www.nextme.it

Lo sapevate che quasi la metà della popolazione mondiale soffre occasionalmente di alitosi? Potreste esserci anche voi in quella infelice fetta di della torta, ma è probabile che non possiate accorgevene da soli: ecco perchè è nato un servizio che vi avvisa del disagio: ‘Sos alito cattivo‘.

L’idea arriva dal Brasile e precisamente dall’ABHA, l’Associazione Nazionale di alitosi: si tratta di un servizio totalmente anonimo, che permette a parenti, amici e colleghi di inviare una comunicazione seria e giustificata a chi potenzialmente soffre di questo sgradevole disturbo. La comunicazione può avvenire tramite una tradizionale lettera spedita via posta o più semplicemente attraverso una e-mail; in ogni caso il mittente resta segretissimo, evitando così l’imbarazzo di trovare le giuste parole per dire una verità spiacevole.

Il più delle volte infatti l’alitosi è strettamente connessa ad una non proprio accuratissima igiene del cavo orale, ed è perfettamente risolvibile con una serie di cure che un bravo specialista può prescrivere caso per caso. Potrebbe persino risultare efficace una maggiore attenzione all’igiene quotidiana, seguendo i consigli pratici che qualsiasi esperto raccomanderebbe: lavare i denti al termine di ogni pasto, utilizzare più spesso il filo interdentale e spazzolare bene anche la lingua, dove spesso si depositano i batteri.

Il servizio brasiliano, comunque, sembra funzionare: si contano già centinaia di segnalazioni ogni mese, mentre per contro non sono stati registrati reclami da parte delle persone indicate come vittime del disturbo.

db

Annunci