Tag

, , , , ,

Pubblicato su www.nextme.it 

Kevan Sheehan non è che un collezionista dilettante, eppure oggi il Dorset County Museum inglese gli deve molto: è grazie a lui se questo gigantesco cranio preistorico è esposto al pubblico.

Da vero appassionato, Sheehan ha setacciato il ‘Jurassic Coast World Heritage Site’, un’area a sud dell’Inghilterra lunga oltre 152 chilometri e ricca di fossili come poche altre al mondo. La sua ricerca, durata diversi anni (dal 2002 al 2008) ha cosi permesso di ricomporre pezzo dopo pezzo la carcassa di un cranio dalle notevoli dimensioni, appartenuto ad un tipo di plesiosauro dal collo corto.

Lo scheletro misura 2,4 metri e l’intero corpo, con ogni probabilità, superava i 16 metri di lunghezza; ha una forma simile a quella di un coccodrillo e fauci incredibilmente potenti, guarnite da denti tanto affilati da poterli paragonare alla lama di un rasoio.

Quel che è certo, è che si tratti di una creatura marina vissuta almeno 150 milioni di anni fa: difficile definirla la più grande carcassa mai ritrovata, ma senza dubbio Sheehan ci è andato molto vicino.

A partire dal mese di luglio è possibile ammirarla presso il Museo di Dorset, la stessa contea dove hanno avuto luogo i ritrovamenti, che l’ha acquistata e sottoposta alle ricerche della vicina Università di Southempton. E sono stati proprio gli esperti a dichiarare entusiasticamente questa carcassa come la più grande mai rinvenuta, sebbene non esistano evidenze scientifiche in proposito.

Ad ogni modo, 2,4 metri non sono certo uno scherzo:  la visione sarà anche affascinante, ma l’idea di un simile mostro marino conserva un che di inquietante.

db

 

Annunci