Tag

, , , , ,

Pubblicato su www.nextme.it 

Se avete sempre sognato di diventare astronomi ma non ne avete avuto l’opportunità o la tenacia negli anni addietro, Keplero può finalmente offrirvi una seconda chance, non senza l’aiuto della rete e delle nuove tecnologie.

Si chiama Planethunters.org, ed è un sito internet che riporta fedelmente le immagini catturate dal miracoloso telescopio, permettendo alla gente comune di scrutare il cielo comodamente seduti sul divano di casa, e scoprire magari un nuovo pianeta alieno.

Grazie ad una breve pre-formazione online, infatti, Planethunters ha già permesso agli oltre 22,000 visitatori del sito l’occasione di scovare tutti quei dettagli che Keplero ha in qualche modo perduto là fuori: nulla infatti batte l’occhio umano in tema di riconoscimento di ‘modelli’, ed è esattamente questa la ragione per cui il portale è stato creato.

Per chi ha seguito le vicende di Keplero nello spazio, la notizia ha davvero dell’entusiasmante: da quando è stato lanciato nel 2009 ha infatti individuato oltre 1.200  pianeti potenziali che fino ad oggi erano totalmente sconosciuti, e numeri come questi lasciano ben sperare sulle moltissime possibilità realmente presenti nell’Universo.

Ma come si fa a riconoscere un eventuale pianeta alieno? Semplice: le immagini catturate da Keplero riportano inquadrature fisse di alcune porzioni di cielo; mirano dunque alle stelle, che appaiono come punti luminosi riconoscibili fra le tenebre. Quando la luminescenza di una stella subisce una variazione, è possibile ipotizzare che un pianeta le stia passando davanti.

Il riconoscimento di questi fenomeni è dunque piuttosto semplice, tanto che da quando Planethunters.org è online i visitatori del sito hanno già individuato circa 50 potenziali passaggi, e questi dati sono ora nelle mani della Nasa per una verifica più accurata.

Che siate o meno ferrati in astrologia, quindi, un tentativo potete comunque farlo: magari un giorno uno di questi pianeti porterà il vostro nome. 

db

Annunci