Tag

, , , , ,

Pubblicato su www.nextme.it

Conosciamo ormai il planisfero in tutte le sue versioni: mappa geopolitica, indici di inquinamento, livelli di ricchezza o di povertà; ma questa è la prima volta che emerge un modello di mondo basato sulla rete di relazioni che legano gli esseri umani: un modello per cui dobbiamo ringraziare Facebook.

Paul Butler, un giovane ingegnere impiegato come stagista presso il social network per eccellenza, ha infatti sviluppato una disegno del pianeta i cui unici fattori determinanti sono l’interconnessione fra gli oltre 500 milioni di iscritti a Facebook e le loro coordinate geografiche, ricavandone una mappa di luminosità più o meno intensa a seconda della quantità di relazioni che legano luoghi e persone gli uni agli altri.

L’intera ricerca sembrerebbe frutto della personale curiosità di Butler nell’individuare le città con maggiori connessioni nel mondo, una curiosità animata dal desiderio di comprendere, a colpo d’occhio, come i confini fra i Paesi o le politiche in atto al loro interno abbiano effettivamente influenzato i rapporti fra le persone.

“Ho cominciato con un campione di circa 10 milioni di coppie di amici”, ha dichiarato Butler, “correlandole con le città d’appartenenza e tracciandone le coordinate in termini di latitudine e longitudine ”.

Trattandosi però di una quantità straordinaria di dati statistici, è stato poi necessario stabilire dei ‘pesi’ per ciascuna coppia di città in funzione della loro distanza euclidea e del numero di amici presenti fra le parti; quelle con maggior numero di relazioni si sono così automaticamente sovrapposte alle altre.

Butler ha poi utilizzato una scala cromatica che va dal nero, al blu, e infine al bianco, ed effettuando il rendering finale di una lunga serie di passaggi, ha ottenuto con grande sorpresa  una trama piuttosto dettagliata della terra, una mappatura alla quale nessun paese sembra sfuggire.

Le aree apparentemente più luminose sono quelle con maggiore concentrazione di ‘amicizie’: spiccano quindi l’Europa e la costa orientale del Nord America, così come l’America Latina, il Giappone e la Nuova Zelanda. Più ‘buie’ risultano invece l’Africa, il Brasile, la Russia e la Cina.

Tra gli elementi più interessanti del planisfero delle ‘amicizie’ bisogna riconoscere alla penisola italiana un ruolo di assoluto prestigio, considerando che ‘splende’ luminosa nel cuore dell’Europa; segno evidente che la diffusione di Facebook ha fatto centro nel nostro Paese e che questo social network è oggi utilizzato da gran parte della popolazione.

db


Annunci